Giornata della memoria a Cattolica

Mauro 27 Gennaio 2010
0 people like this post
Giornata della Memoria a Cattolica

La Giornata della Memoria è una ricorrenza istituita con la Legge 20 luglio 2000, n. 211 dal Parlamento Italiano in adesione alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come una giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto e per ricordare anche tutti coloro che, rischiando la vita, hanno salvato altre vite. La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell’Armata Rossa, nel corso dell’offensiva in direzione di Berlino arrivarono presso la città polacca di Oswiecim (nota con il nome tedesco di Auschwitz) scoprendo il suo tristemente famoso campo di concentramento liberando i pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l’orrore del genocidio nazista.

In collaborazione con il Comune di Gabicce Mare, per la Giornata della Memoria a Cattolica è stata organizzata una manifestazione celebrativa che avrà luogo Mercoledì 27 gennaio 2010 presso il Salone Snaporaz di Cattolica con il seguente programma:

TESTIMONIANZE:

Ore 10.30 –
Intervento di Umberto Palmetti, Storico della Resistenza
Intervento di Elisabetta Raschi, Presidente ANPI – Cattolica

Ore 10,50 – Lettura e videoproiezione:
Proiezione del Video “Notte e Nebbia” di A..Resnais con commento tratto da
“Se questo è un uomo” di P.Levi

Ore 11.00 – Adattamento teatrale di “Lo zio Arturo” di D. Horowitz a cura della Compagnia Teatro della Luce
Associazione culturale White Rabitt di Gabicce Mare

L’invito è aperto a tutta la cittadinanza

Parteciperanno i ragazzi delle Scuole Medie del Comune di Cattolica e di Gabicce Mare.

Vorrei contribuire alla Giornata della Memoria, con la quale si celebra la liberazione degli Ebrei dal Campo di sterminio di Auschwitz. Queste diapositive sono state realizzate dal gruppo scout di Cattolica al ritorno dai campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau. Una riflessione sull’Olocausto cercando di trovare, invano, un perché a questa assurda tragedia.

Category: Da riflettere
  • 0
  • 1037

Leave your comment

Mostra Social
Nascondi Social